Racconti erotici, storie eccitanti, letteratura a sfondo sessuale e narrativa a luci rosse per adulti italiana completamente gratuita.
L'esibizionista è uno dei più eccitanti ed erotici racconti per adulti nel mondo della narratva a luci rosse, delle fantasie osé, delle confessioni e delle storie di sesso
erotici racconti logo del sito di storie a sfondo sessuale

L'esibizionista
data racconti erotici 2010-10-29 12:00:35

genere: categoria racconti erotici voyeur

Nelle campagne circostanti le acque del fiume Po, da Piacenza a Comacchio, trovano posto un gran numero di città e piccoli paesi. 
La vita da queste parti trascorre in maniera tranquilla. 
La gente è radicata alla terra e al fiume che l'attraversa e che le dà prosperità, ricchezza e a volte preoccupazioni. 
Il benessere economico e il consumismo hanno portato nuovi modelli di vita, ma non sono riusciti a cambiare lo spirito libero della gente. 
Le persone, anche le più benestanti, utilizzano la bicicletta come mezzo di locomozione per muoversi in città. 
Le due ruote non rappresentano un mezzo di distinzione sociale, ma accomunano tutti, dal professionista che l'adopera per andare al lavoro, allo studente che se ne serve per andare a scuola e alla massaia che l'utilizza per andare al mercato. 
Nelle giornate estive adoro andare in giro per la città in bicicletta. 
Mi piace percorrere gli stretti vicoli del centro, attraversare le corti e le piazze, fermarmi dinanzi ai negozi per fare compere senza l'assillo di cercare un posto dove parcheggiare la macchina. 
Stare seduta ai tavoli del Caffè Centrale sorseggiando un tè od una bibita, è quanto di meglio può capitarmi durante un fine pomeriggio d'estate. 
Mi piace osservare la gente che passeggia in Piazza Garibaldi prima dell'ora di cena. 
Anche quando vado in bicicletta indosso una mini strettissima, di quelle che ad ogni pedalata s'arricciano sulle cosce lasciando intravedere il colore delle mutandine che indosso. 
Mi fa piacere ricevere gli sguardi lascivi degli uomini che si soffermano a guardarmi le cosce che mostro in maniera fin troppo sfacciata. 
Vorrei essere ancor più smaliziata e provocante, un giorno o l'altro potrei uscire da casa senza le mutandine. 
Sarei curiosa di costatare che tipo di reazioni susciterei negli uomini. 
Un giorno forse lo farò, ora mi accontento delle reazioni del "mio" muratore.... 
La mattina, recandomi in bicicletta al lavoro, sono solita transitare dinanzi un cantiere edile di una casa in costruzione. 
Un muratore sembra attendere il mio passaggio. 
Ogni volta lo vedo affacciarsi da una balconata o sporgersi da un'impalcatura, richiama la mia attenzione con tre fischi, dopodiché mette in mostra l'uccello sempre turgido e dritto. 
Dal giorno in cui è stato avviato il cantiere, circa sei mesi fa, la scena si ripete ad ogni mio passaggio. 
Sarei curiosa di sapere come fa ad avere l'uccello in piena erezione in ogni occasione. 
Potrei cambiare percorso, ma il triplice fischio è un richiamo a cui non so sottrarmi. 
Lo considero un saluto di buona giornata e niente più. 
Oggi in reparto è accaduto un fatto strano, senza precedenti. 
Ieri notte è stato ricoverato d'urgenza un paziente. 
Contrariamente ai regolamenti dell'ospedale la registrazione di cognome e nome sulla cartella clinica del paziente è stata eseguita inserendo solo le iniziali. 
Da quello che sono riuscita a sapere si tratta di una persona molto importante. 
E' probabile che appartenga ad una delle famiglie che gestiscono il potere politico ed economico della città e a cui è concesso l'anonimato. 
Il signor G.G. (questa è la sigla con cui risulta nel registro di ricovero), è stato operato d'urgenza, stanotte, dal primario della clinica. 
Il Professor Conconi, a quanto si è saputo, è stato chiamato dal medico di guardia per effettuare di persona l'intervento. 
Dopo l'operazione l'uomo è rimasto in terapia post-intensiva per poche ore. 
Successivamente è stato trasferito in una delle camere a pagamento che l'Azienda Ospedaliera ha attivato da poco tempo. 
Sfoglio con curiosità la cartella clinica, sopra c'è scritto: Intervento al retto per C.E. 
L'abbreviazione dovrebbe stare a significare "Corpo Estraneo". 
Mi consulto con le mie colleghe infermiere, ma nessuna è a conoscenza della natura del corpo estraneo che ha reso necessario l'intervento chirurgico, potrebbe anche trattarsi di un tumore, chissà! 
Sto riponendo le lenzuola della biancheria pulita nell'armadio, quando sento squillare il campanello di chiamata. 
Il quadro elettrico illumina il numero 22. 
Corrisponde alla camera di degenza del signor G.G. Metto da parte il carrello con sopra le lenzuola e mi dirigo verso la stanza. 
- In cosa posso esserle utile - dico appena entrata. 
- Signorina, sia gentile, ci porti una tazza di tè. 
Il professor Conconi, ha detto che mio marito può alimentarsi con cibi liquidi. 
Il suo pare essere un ordine non un invito. 
Ad esprimersi in quel modo è una donna sulla trentina d'anni. 
D'aspetto piacevole, è alta quasi quanto me. 
Un metro e ottanta, piuttosto magra, ha lunghi capelli biondi che le scivolano sulle spalle. 
D'aspetto elegante indossa un finissimo tailleur nero, giacca blu e una camicetta con pizzo volant di colore rosa. 
Evidenzia modi signorili che traspaiono dai gesti e dall'accento della voce. 
Sul letto, accanto a lei, è coricato un uomo. 
Dimostra una cinquantina d'anni, ha la testa pelata e gli occhiali. 
- Vado in cucina e lo preparo - dico rivolgendomi a lei. 
- La prego, faccia alla svelta. 
L'accento della voce è straniero, nordico probabilmente. 
Forse è di nazionalità svedese o danese. 
Ritorno nella stanza dopo una decina di minuti. 
Appoggio il vassoio con la teiera e la tazza sul ripiano del comodino. 
- Sia gentile signorina, mi dia una mano nel sistemare mio marito seduto nel letto. 
Aiuto l'uomo a sollevarsi e inserisco una ciambella di gomma sotto i glutei, in modo che non appoggi la parte operata sul materasso. Prendo la tazza di tè caldo e gliela porgo. 
Lui sorseggia a fatica la bevanda e subito dopo si rimette sdraiato, sul fianco. 
Sto uscendo dalla stanza quando la donna mi si avvicina. 
Infila nell'incavo della scollatura della mia camicetta una banconota da 100 euro e mi sorride. 
- Tenga. Per il suo disturbo. 
Mi fa piacere ricevere il regalo, non è cosa di tutti i giorni ricevere una mancia di questa entità, ma sono infastidita dai modi volgari con cui mi ha consegnato la banconota. 
Più tardi, parlando con una strumentista di sala operatoria, apprendo la natura del corpo estraneo che i chirurghi hanno estratto dal retto del signor G.G: si tratta di una zucchina. 
L'oggetto diventa argomento di discussione fra noi infermiere. 
C'e chi, bene informata, afferma che durante un'insolita pratica erotica, la moglie, per imperizia, si sia lasciata prendere la mano ed il prezioso ortaggio si sia infilato in alto, lungo il retto, rendendo necessario l'intervento chirurgico per estrarlo. 
Durante la mattinata mi reco più di una volta nella stanza di G.G.. 
In qualche modo devo contraccambiare i dannati 100 euro di mancia, così inizio ad entrare in confidenza con la moglie. 
Si chiama Helga ed è danese. 
Ha lasciato il suo paese una decina di anni fa quando è stata assunta da un'azienda italiana che commercializza prodotti agro-alimentari coltivati nell'area della provincia di Parma. 
Parla molto bene cinque lingue. 
Questo, a suo dire, le ha permesso di scalare in pochi anni i gradini della carriera fino a diventare responsabile marketing dell'area commerciale dell'azienda, ma non mi ha detto che per la sua avvenenza è riuscita a sposare il proprietario dell'azienda. 
A fine mattina Helga inizia a darmi del tu invitandomi a fare lo stesso con lei. 
Nei giorni successivi la nostra frequentazione diventa più assidua e diventiamo buone amiche. 
Sono affascinata dai modi di questa donna nordica, così diversa per cultura e modi di fare da noi donne mediterranee. 
E' trascorsa più di una settimana dal giorno dell'operazione. 
Quando entro nella camera Helga sta vicina alla finestra. 
Indossa un abito nero di seta che è una meraviglia. 
Le faccio i complimenti e le sorrido. 
- Anche tu Erika hai un bellissimo corpo, staresti bene con un abito come questo. 
Provalo, potrai costatare di persona che non ti ho mentito. 
- Ma no, dai, sarei imbarazzata. 
E poi questo non è il luogo più adatto per farlo. 
- Che dici, mica devi sentirti imbarazzata. 
Mio marito dorme e se dovesse svegliarsi non farebbe caso a queste cose. 
Helga non attende la mia risposta, cala la cerniera dietro la schiena e l'abito le scivola come d'incanto lungo il corpo e cade per terra. 
Il corpo nudo mi appare nelle perfezione delle sue forme. 
Helga indossa un perizoma nero così esiguo che a stento le copre l'incavo della passerina. 
Il corpo, di un colore bianco latte, pare scolpito da un artista tanto è aggraziato nelle forme. 
Le gambe lunghe e affusolate si allargano sul bacino slanciando l'addome verso l'alto. 
I seni, assai minuti, hanno le areole dei capezzoli di colore rosa, e sono stranamente appuntiti. 
- Dai, spogliati, non fare storie. Non posso restare così per molto tempo. 
Colpita da tanta insistenza tolgo il camice e il grembiule, poi mi avvicino a lei. 
I corpi a stretto contatto evidenziano le loro differenze. 
La mia pelle è abbronzata, la sua invece è candida come la neve. 
M'infila l'abito. 
Lo fa partendo dai piedi verso l'alto. 
Le dita delle sue mani scivolano sulla mia pelle insieme alla seta dell'abito. 
Sfiora con le dita i miei fianchi soffermandosi sui seni, nell'intento di correggere, così dice lei, le pieghe dell'abito. 
Sono eccitata dalla strana situazione. 
Sento la freschezza del vestito, così leggero ed impregnato del profumo della sua padrona. 
- Mamma mia com'è bello, chissà quanto costa. 
Non potrei mai comprare un abito come questo, mi ci vorrebbero dieci stipendi! 
- Se vuoi è tuo, te lo regalo. Io ne ho altri simili a questo. Anzi, dal momento che nell'armadietto ho un paio di jeans ed una maglietta di ricambio, puoi tenerlo, te lo regalo! 
Dopo avere pronunciato queste parole mi si avvicina ancora di più. 
Sfiora la mia guancia con una carezza e mi da un bacio sulla piega della bocca. 
- No. Ti ringrazio, ma non posso accettarlo. E' un regalo troppo costoso, non saprei come fare per sdebitarmi. 
- Non ti preoccupare, siamo amiche no? E allora... 
Nel togliermi l'abito giro lo sguardo verso suo marito e noto che ha cambiato postura nel letto. 
Sta riverso sul fianco e il viso è girato dalla nostra parte. 
Gli occhi sono socchiusi. 
Chissà se ha assistito alla prova d'abito. 
- Bhè...allora ti ringrazio. 
Contraccambio la sua carezza e le do' un affettuoso bacio sulla guancia. 
Il marito di Helga sta avviandosi verso la completa guarigione, presto tornerà a casa. 
Me ne sto in guardiola a riassestare il carrello delle medicazioni, quando il citofono collegato alle stanze dei pensionanti si mette a trillare. 
- Sono G.G. - dice una voce concitata all'altro capo del filo - corra qui da noi, signorina Erika, mia moglie sta male. 
Lascio in sospeso il lavoro e mi precipito nel corridoio. 
Raggiungo la camera di degenza e vado in soccorso della mia cara amica. 
Entro nella stanza e trovo l'uomo sdraiato sul letto. 
Helga non c'è. 
- E' di là, in bagno, sotto alla doccia. Credo stia poco bene, l'aiuti! 
Dalla posizione in cui mi trovo, vicino al letto, vedo chiaramente la porta del bagno. 
E' aperta. 
Helga sta semisdraiata sul pavimento di ceramica, l'acqua che esce dal bulbo della doccia le scorre sulla pelle nuda. 
Il corpo è parzialmente ricoperto da schiuma da bagno e brilla d'infiniti riflessi colorati. 
- Ehi...ma che scherzo è questo, che ti succede? Cosa ti senti? - Chiedo in maniera bonaria, per non spaventarla. 
- Sto male, molto male. La causa sei tu, Erika. Ti desidero, dal momento che ti ho incontrata non faccio che pensare a te. Sei tu la padrona dei miei pensieri e non riesco a stare lontana da te. 
Mentre sussurra queste parole l'acqua continua a scendere a fiotti bagnandomi da capo a piedi. 
Sorpresa dall'inaspettata dichiarazione non so cosa risponderle. 
Le sue parole mi fanno immensamente piacere, anch'io subisco il suo fascino e provo lo stesso tipo di attrazione. 
Non ho tempo per trovare una risposta adeguata. 
Lei si rialza, infila una mano nella scollatura del mio camice e afferra un seno fra le dita. 
Il tocco, inaspettato e rude, ma che ho tanto desiderato, fa cadere le mie difese, se mai ci sono state. 
Prosegue a sbottonarmi il camice inzuppato d'acqua che cade ai miei piedi. 
Le sue mani esperte frugano fra le mie mutandine fino a raggiungere la passera. 
Non sono abituata ad un approccio di questo tipo, con le donne preferisco avere un contatto dolce e delicato, con lei sta per succedermi il contrario. 
E' come scoprire un mondo nuovo, per me sconosciuto. 
Il contatto delle dita sulle mie grandi labbra mi provoca un sussulto immediato. 
Sa come prendermi... La gattina. 
L'acqua continua a scendere e riscalda i nostri corpi. 
Me ne sto in piedi appoggiata con la schiena al muro, con il corpo di Helga che aderisce al mio. 
Ha il capo reclinato sulla mia guancia, mentre con la mano continua a frugarmi nella fica. 
E' evidente che ciò la eccita più d'ogni altra cosa. 
Prigioniera delle sue attenzioni, lascio che mi sfili di dosso mutandine e reggiseno. 
Rimango completamente nuda come lei. 
I nostri corpi scivolano l'uno sull'altro, dolce preliminare alle future emozioni. 
Anch'io desidero toccarle la passera. 
Infilo due dita nella sua impertinente fessura e la penetro. 
Le pareti sono morbide come quelle dei petali di una rosa e lubrificate più delle mie. 
Sono sorpresa dalle contrazioni dell'utero mentre la frugo. 
Stringo fra le dita lo spesso clitoride e lo sfrego con passaggi delicati e sfuggenti. 
Siamo così impegnate nella conoscenza dei nostri corpi che mi sono scordata della presenza in camera di G.G. che dal suo letto ci starà sicuramente osservando. 
Le tette minute di Helga s'infossano nelle mie. 
La punta dei suoi capezzoli punge la mia pelle. 
La cosa mi eccita a tal punto che tolgo le dita dalla sua passera e afferro con entrambe le mani le sue tette. 
Godo nell'accarezzarle le mammelle, con gli uomini sono costretta a toccarmi le mie mentre mi scopano, stavolta invece ho fra le dita quelle di una donna e mi eccito nell'accarezzarle. 
Prima d'oggi non mi era mai capitato di toccare seni con i capezzoli rosa, questa è la prima volta. 
E' un piacere inaudito succhiare la punta dei capezzoli, straordinariamente estesi, fino a farla urlare, ma non so se dal piacere o dal dolore per l'impeto che ci sto mettendo. 
Anche lei inizia ad accarezzarmi i seni che, a confronto con i suoi, le devono sembrare due meloni. 
Il contatto delle mani provoca in tutto il mio corpo fremiti di piacere. 
Ho un orgasmo. 
Siamo concentrate nell'esplorare le nostre intimità che neanche ci accorgiamo dell'acqua che continua a scendere dai fori del bulbo della doccia. 
Se i nostri corpi hanno fatto conoscenza, i nostri visi si sono solo sfiorati. 
Lei si distacca dal mio corpo, mi cinge il capo afferrandomi da dietro i capelli e li tira verso il basso, estendendomi la mandibola verso l'alto. 
Posso specchiarmi nei suoi occhi azzurri e lei nei miei. 
Dopo alcuni secondi di silenzio le nostre labbra si avvicinano. 
Rivoli d'acqua scendono sulle nostre bocche infuocate da tanto ardore. 
L'incontro dei bordi delle nostre labbra è così dolce che ho l'impressione d'essere tutt'uno con la mia amata. 
Le punte delle lingue si cercano e le mani non sono da meno. 
La sua mano afferra la mia e la porta sul suo clitoride. 
Inizio a sfregarlo con movimenti lenti che accelero di tanto in tanto. 
Posa la mano sulla mia passera e inizia a masturbarmi. 
Siamo in sincronia. 
L'orgasmo che ne segue ci trova accomunate. 
Veniamo insieme, trattenendo le urla nella bocca dell'altra. 
Durante l'amplesso non abbiamo scambiato parola, fortunatamente non ce n'è stato bisogno. 
Tutto è avvenuto in modo incredibilmente naturale. 
Le sue origini nordiche e la sua spregiudicatezza hanno contribuito a liberarmi di ogni paura. 
Helga, non paga, s'inginocchia ai miei piedi ed inizia a leccarmela. 
Divarico ancora di più le gambe per meglio ricevere la lingua. 
Lei m'incalza furiosa, penetrandomi sempre più violentemente. 
Allargo le labbra della passera con le dita e assecondo i suoi movimenti afferrandole il capo, sospingendolo sul pube. 
Non ci vuole molto tempo prima che raggiunga un orgasmo vaginale. 
Urlo di piacere, contraendo in mille spasmi le pareti della passerina. 
Improvvisamente mi rendo conto della strana situazione in cui sono venuta a trovarmi. 
Chiudo il rubinetto della doccia e prego Helga di procurarmi uno dei suoi accappatoi. 
Guardando fuori della porta a vetri noto che il marito sta pulendosi l'uccello con un fazzoletto, probabilmente ha goduto per tutto il tempo di quell'avventura. 
Corro fuori della stanza con indosso l'accappatoio che nel frattempo Helga mi ha consegnato. 
Mi precipito in corridoio e scendo negli spogliatoi per indossare un camice asciutto... 
Il signor G.G. è pronto per essere dimesso dalla clinica guarito. 
Sono chiamata dal citofono della sua stanza. 
- Parlo con la signorina Erika? - Chiede la voce all'altro capo del citofono. 
- Sì, sono io, dica pure. 
- Sono Helga. Signorina può venire nella nostra camera? 
- Un attimo e sono lì. 
C'è qualcosa di strano nel tono della voce. 
E' tornata ad essere autoritaria, simile a quella che aveva usato il giorno in cui ho fatto la sua conoscenza. 
- Senta signorina - mi assale appena entro in camera 
- mio marito ed io le siamo grati per ciò che ha fatto per noi in questi giorni e desideriamo esprimerle la nostra riconoscenza con un regalo. 
Helga toglie dalla borsetta una mazzetta di soldi e me li porge. 
Ad occhio e croce sembrano essere mille o duemila euro. 
- Perché questo regalo? - dico - Io non merito una cifra del genere. 
- Non si preoccupi signorina - m'interrompe G.G. - Lei ha reso felice sia me sia mia moglie. Avevamo fatto una scommessa. Helga affermava che sarebbe riuscita a fare all'amore con lei, io invece ero convinto del contrario. Ho perso la scommessa e quindi pago. 
Dopo aver pronunciato le parole mi porge la mazzetta di banconote. 
Presa dall'ira le afferro, mi avvicino a Helga e le getto sul suo viso. 
- Maledetta troia. Ecco quello che sei, una troia! 
Giro i tacchi ed esco dalla stanza... 
Stamani mentre venivo in bici al lavoro sono transitata dinanzi al cantiere del mio amico muratore. 
Come il solito il suo triplice fischio ha richiamato la mia attenzione, mi sono girata e lui era là, come sempre, con l'uccello in bella mostra. 
Per la prima volta, l'ho salutato con un cenno della mano, facendogli segno di seguirmi. 
Non so cosa sia successo, forse ha messo male un piede o non si aspettava il mio invito. 
Sta di fatto che è precipitato dal secondo piano atterrando sopra una montagnola di sabbia. 
Subito soccorso dai compagni è stato ricoverato d'urgenza in ospedale. 
Ora è degente nel mio reparto. 
Fortunatamente non si è procurato nessun danno grave, solo una gamba fratturata, dovrò prendermi cura anche di lui?

scritto da autore racconto erotico Anonimo

racconto letto 7310 volte


Segnala abuso in questo racconto erotico
nick :
e-mail :
motivo :
Opposto di sud?






commenti dei lettori al racconto erotico



Box delle utilità, spazio dei link veloci per gli ultimi racconti erotici inseriti, i racconti erotici più letti e più votati.

il racconto erotico più recente

Ultimo racconto erotico inserito:

Cuore di maiale e fegato di cavallo
scritto il: 2014-11-28 06:32:23

Buon divertimento e buona lettura a voi perversi e arrapati.
menu per condividere i racconti erotici

racconto erotico casuale

Per portare alla vostra attenzione racconti erotici che altrimenti non andreste a cercare, perché spesso il caso è molto più eccitante del semplice trovare.

Godo nel tradire l'uomo che amo
genere: tradimenti


Speriamo di aver soddisfatto tutte le vostre fantasie a luci rosse.
menu per accedere rapidamente ad un racconto casuale tra tutte le opere

condividi i racconti erotici

Puoi anche condividere un racconto erotico o una qualsiasi altra pagina del nostro sito semplicemente usando il tasto share che trovi qui sotto.
Se il racconto è piaciuto a te, piacerà anche ai tuoi amici, condividilo tramite tutti i più diffusi social network.

Bookmark and Share


Segnala su google la pagina, per diffondere racconti erotici di qualità.




newsletter

iscriviti alla newsletter di erotici racconti e potrai ricevere tutti gli aggiornamenti sui racconti erotici inseriti e sulle statistiche e gli apprezamenti sulle storie più eccitanti tramite una mail.

Speriamo di aver soddisfatto tutte le tue fantasie sessuali.