Racconti erotici, storie eccitanti, letteratura a sfondo sessuale e narrativa a luci rosse per adulti italiana completamente gratuita.
Al cinema a Parma è uno dei più eccitanti ed erotici racconti per adulti nel mondo della narratva a luci rosse, delle fantasie osé, delle confessioni e delle storie di sesso
erotici racconti logo del sito di storie a sfondo sessuale

Altri racconti erotici di cagliostrus:

Cinema Sconosciuti e Sogni
genere etero
scritto il 2010-08-01 12:06:02

Lo Sconosciuto
genere trio
scritto il 2010-07-27 16:31:08

Nella calda oscurità
genere trio
scritto il 2010-07-19 16:19:33




Al cinema a Parma
data racconti erotici 2010-07-22 12:29:48

genere: categoria racconti erotici trio

Era d’autunno.

Da un mesetto vivevo a Parma per 5 giorni la settimana per frequentare i corsi di un master e avevo preso in affitto un monolocale in centro la cui padrona mi aveva anche prestato una bicicletta. Non avendo amici mi ritrovavo spesso la sera a pedalare da solo in cerca di un locale o un cinema.

Quella sera mi ero spinto in periferia, una zona tranquilla oltre il fiume. Poca gente per le strade ormai illuminate solo dai lampioni e dalle vetrine di pochi negozi. L’insegna di un cinema mi attira. Vedo una porta a vetri fiancheggiata da due locandine illuminate che pubblicizzano un film hard: “Mogli in calore ad Acapulco” o qualcosa di simile. I titoli dei film porno mi hanno sempre fatto sorridere per la loro volgarità surreale.

Sto per fare dietro-front e andarmene, quando noto una coppia di quarantenni che si avvicina lungo il marciapiede a passo veloce. Con fare deciso entrano nell’atrio del cinema. Lui ha un aspetto e degli indumenti assolutamente normali, ma sono colpito dalla strana gonna di pelle nera indossata da lei. Lunga fino al ginocchio, mostra una massiccia zip metallica sul lato, che arriva fino alla vita, ma aperta solo fino a mezza coscia.

La cosa m’incuriosisce non poco e decido di seguirli. Il tempo di incatenare la bici ad un lampione, pagare il biglietto ed entrare nel buio della sala, ho intanto perso il contatto con i due.

Lo schermo mostra le solite immagini di corpi nudi aggrovigliati. Il sonoro è un monotono susseguirsi di “oh…oh… oh” e “mm… mm… mm”. In sala, man mano che i miei occhi si abituano all’oscurità noto che sono più le figure che si muovono lungo i corridoi di quelle sedute.

Sembra vi sia un incessante viavai, un dentro e fuori continuo. Ogni minuto le tende delle due porte laterali si aprono e fasci di luce lampeggiano dall'atrio sulle file di poltrone vuote. Gruppetti di due tre uomini sono addossati alla parete di fondo, accanto alle porte dei bagni, in evidente attesa. Percepisco l’interesse che suscito su qualcuno che si avvicina lentamente e di cui mi libero in fretta, allontanandomi senza degnarlo di uno sguardo.

Io cerco la coppia e finalmente li vedo. Sono al centro di una fila di poltrone circondati da tutti i lati da sei o sette maschi. Nessuno di loro è a stretto contatto, ma i loro sguardi sono tutti focalizzati al centro, come animali da pollaio attorno alla padrona col secchio del mangime.

Mi siedo a capo fila qualche posto più indietro alternando la mia attenzione fra l’annoiata visione dello schermo e quella molto più interessante di quanto succede intorno alla coppia. Sembra che non ci sia trippa per gatti. Si vede qualcuno più audace tentare delle avances, ma viene bruscamente respinto e si allontana indignato.

La situazione cambia quando la coppia si alza ed esce dalla fila, l’uomo in testa e la donna a seguire. Sembrano indugiare sull’uscita, incerti, il tempo necessario a fare allontanare gli ultimi delusi che li hanno seguiti. Poi si avvicinano risoluti allo schermo e si siedono in terza o quarta fila, lui internamente, lei esterna con una sola poltrona libera accanto.

Il viavai ricomincia: uno dopo l’altro, diversi uomini sfilano lungo il corridoio soffermandosi vicino alla coppia, per poi allontanarsi. Sono stupito, come mai non si è ancora seduto nessuno accanto a lei?

Mi alzo e lentamente mi avvicino, un po’ vergognoso di comportarmi come tutti gli altri, ma la curiosità è troppo forte. Giunto accanto a loro la risposta alla mia curiosità è evidente: lei tiene occupato il posto accanto a sé con una borsa e con la mano appoggiata sopra ne stringe fermamente i manici. Sono sopraffatto da un’ondata di simpatia e quasi d’affetto per questa donna così risoluta che siede impettita, le gambe accavallate, accanto al suo uomo. Quasi d’istinto, come guidato da uno spirito interiore so d’improvviso cosa fare.

“Mi scusi?” le dico chinandomi.

Lei si gira di scatto a fissare il mio sguardo, il volto pienamente illuminato dalla vicinanza dello schermo. “E’ libero questo posto?” le chiedo abbassando lo sguardo sulla sua mano. Vedo allora la mano sollevare la borsa e passarla al marito. Mi siedo.

Sono pervaso da un caldo, corposo, senso di trionfo. Ho coronato la mia serata e anche se non dovesse accadere più niente d’interessante, mi bastano piccole vittorie come questa per appagarmi e rendermi contento di me stesso.

Il senso di trionfo per essere stato accettato cede gradualmente alla curiosità verso la donna seduta al mio fianco. E’ mora, riccia di capelli, di corporatura minuta, florida, ma non grassa. Il viso rotondo si abbina perfettamente alle rotondità dei seni che si affacciano dalla scollatura a V di una camicia bianca. La luce dello schermo, troppo vicino, m’impedisce di distinguere la parte inferiore del suo corpo, avvolto totalmente dall’ombra dello schienale del sedile davanti.

Penso alla cerniera metallica della sua gonna, il dettaglio che mi aveva colpito tanto. Rassicurato dal pensiero che anche la mia mano è assolutamente invisibile nel buio sottostante, comincio ad allungare le dita con cautela verso destra. Tocco il bordo esterno del suo sedile e risalgo fino ad incontrare il freddo e liscio contatto della gonna di cuoio. La sfioro con due o tre polpastrelli solamente appoggiati. Se non esercito alcuna pressione, penso, lei non potrà nemmeno sentire il contatto.

I baffi di un gatto non sarebbero stati più lievi della punta delle mie dita, nell’esplorare millimetro per millimetro quella superficie di cuoio liscio, finché… Ecco! Il contatto cambia: è più freddo e duro, è metallo. Sussulto! Carne! Ritraggo di scatto le dita. La cerniera e la carne della sua coscia… Freddo e subito dopo caldo! Duro e subito dopo morbido! Quasi un tutt’uno.

La donna continua a guardare lo schermo. Se ha avvertito qualcosa non lo da a vedere.

Resto immobile per qualche secondo e rifletto. E’ il momento di giocare il tutto per tutto, decido. Allungo nuovamente la mano, questa volta con un movimento deciso. Afferrando il bordo zippato della gonna di cuoio, il dorso delle mie dita si appoggia alla calda morbidezza della sua coscia. Spingo dolcemente con il dorso della mano, osservando il suo volto con lo sguardo ad angolo. Lei non mi guarda, ma ha il viso disteso, con un accenno di sorriso sulle labbra.

Mi sento al settimo cielo e mi abbandono al piacere di accarezzare quel tepore rotondo, velato di nylon. La mano è nascosta sotto il cuoio della gonna, ma i denti metallici della cerniera mi sfregano sul polso, impedendomi di risalire verso l’inguine. Sfilo la mano e vado a cercare lo zip, ne afferro la linguetta rigida e fredda e ziiiiiip, tiro leggermente per scostarlo dal nylon delle calze e lo faccio scorrere in alto. Il mento della donna ha un fremito e le sue labbra si schiudono.

Riporto la mano sotto il cuoio e risalgo lungo la coscia fino all’anca, scoprendo che indossa un collant. Sorvolo sulla punta di delusione che il collant mi provoca e proseguo pregustando il contatto che sto per avere con il centro del cuore del mondo, quando improvvisamente lei si scosta. Si rassetta con calma, richiude la cerniera della gonna e lentamente si alza.

Sono attonito, osservo le due figure in piedi rivolte verso di me e non posso far altro che alzarmi a mia volta e uscire dalla fila di poltrone per farli passare.



Stordito la guardo andar via sfiorandomi, ma subito lo stordimento si muta in stupore, udendo l’uomo bisbigliarmi una sola parola: “Andiamo”.

Li seguo un po’ incerto. “Andiamo?” mi chiedo. “Andiamo dove? Non avrò capito male?” Fuori è molto buio. Indugio accanto alla mia bicicletta. Intravedo la coppia vestita di scuro a qualche decina di metri salire su un’auto parcheggiata e partire lentamente. Inforco la bici e li seguo. La distanza aumenta nonostante io cerchi di pedalare più in fretta che posso. Intravedo il rosso dei loro fanalini svoltare per uno stradello laterale. Lo imbocco, meno male che il mio fanale funziona perché intorno è tutto buio. L’asfalto pieno di buche cede gradualmente ad uno sterrato polveroso. Supero un dosso, un ponticello… ecco: c’è un’auto parcheggiata in un campo, con le luci di posizione accese.

Smonto dalla bici e proseguo a piedi fra zolle di terra dura e ciuffi d’erba secca. L’abitacolo dell’auto è illuminato. Sbirciando dal parabrezza vedo, dietro il volante, un culo di donna che si muove su e giù. Lui è disteso sul sedile del guidatore e lei lo sta cavalcando.

Mi accosto alla portiera del passeggero e tento la maniglia. La portiera si apre ed io mi siedo richiudendola. Continuo ad osservare, o meglio, ad ammirare curioso, quel culo che fa su e giù. Al suo centro sembra, infatti, aprirsi una rosa rossa. Mi rendo conto che quella rosa è il buco del culo.

Affascinato provo ad accarezzare, a palpare quella rossa mucosa che evidentemente si sta inturgidendo per il dilettevole sforzo del coito, che con forti spinte, schiocchi e ansimi del respiro, la donna sta operando sul corpo dell’uomo immobile sotto di lei.

M’inginocchio sul mio sedile e tiro fuori l’uccello intostato. Il mio schienale è già reclinato, così lo risalgo sulle ginocchia fino a portare il mio cazzo a contatto del corpo di lei ed inizio a strusciarlo.

“Succhiaglielo” dice lui. La testa riccioluta si gira verso di me ed il mio pene viene risucchiato in un vortice mai provato prima. Chiudo gli occhi, inarco la schiena con le braccia e tutta la faccia schiacciate contro la moquette della capote e mi abbandono al piacere.

L'astinenza e tutta l'eccitazione provata al cinema fanno si che io me ne venga subito, con dei sussulti che mi scuotono i lombi diffondendosi per tutto il corpo. Mi accascio sul sedile e sento la voce di lui che parla della sua donna, di quanto lei sia porca e insaziabile, “Non hai idea di quel che è capace di fare”, mi dice e aggiunge “Ne ha presi così tanti nel culo che ora non può più usarlo, vedi com’è ridotto?”.

Mi riscuoto e vedo il volto della brunetta, sorridermi. “Ti è piaciuto?” mi chiede lei. “Tantissimo!” rispondo, inginocchiandomi sulla pedana davanti al sedile del passeggero, invitandola a spostarsi davanti a me. Lei intuisce e sdraiandosi apre le gambe a circondare il mio torace. Appoggio le mani all’altezza delle sue spalle e lentamente, con dolcezza infinita penetro nella sua vagina, ancora aperta e bagnata. Occhi negli occhi, percependo l'interesse del marito seduto al nostro fianco, ci uniamo in un amplesso morbido e lento.

Il mio cazzo, che dopo l'orgasmo non aveva fatto in tempo a smosciarsi, al contatto con la sua figa bollente e dilatata riprendeva sempre più il suo turgore, fino a tornare al massimo della sua durezza. I miei movimenti si facevano sempre più decisi finchè presi a sbattere violentemente col mio pube sul suo clitoride ad ogni colpo.

Incessantemente, con un ritmo sempre più rapido, continuavo a percuotere la sua vulva col mio pube e fra un colpo e l'altro il dorso del mio cazzo sfregava fuori e poi dentro, contro quelle pareti elastiche e contro l'osso che le sovrastava.

All’apice del piacere avvertii la sua vagina contrarsi con spasmi prolungati producendo delle pernacchiette scoppiettanti e gioiose. "Vengo, vengo, a dio mio VENGOOO!" prese ad urlare, mentre fiotti di liquido caldo, forse piscio, colavano giù sul sedile e sulle nostre cosce avvinghiate. “Quanto sono venuta!” mi sussurrò poi all’orecchio ansimando. “Non credevo fosse ancora possibile… ti amo!” aggiunse, prima di unire le nostre bocche in un bacio lungo e profondo di labbra e denti e lingue intrecciate.

“Anch’io!” dico, con un senso di paura, realizzando che avevo fatto tutto senza alcuna protezione e un più acuto senso di rimorso per la mia morosa, ignara, di cui solo in quel momento ricordavo l'esistenza!

Esco dall’auto tirandomi su i pantaloni. Chiudendo la portiera li guardo di sfuggita, mentre stanno parlottando fra loro. "Non ho voglia di pensarci adesso, ci penserò domani" mi dico scuotendomi di dosso ricordo ed angoscia. Tiro su la bici da terra e con le gambe che ancora mi tremano mi avvio, solo e felice, in pace col mondo, verso le luci della città. Non avevo ancora idea di che gran porco sarei diventato.



cagliostrus@gmail.com

scritto da autore racconto erotico cagliostrus

racconto letto 10508 volte


Segnala abuso in questo racconto erotico
nick :
e-mail :
motivo :
Il colore del sangue?






commenti dei lettori al racconto erotico



Box delle utilità, spazio dei link veloci per gli ultimi racconti erotici inseriti, i racconti erotici più letti e più votati.

il racconto erotico più recente

Ultimo racconto erotico inserito:

La vendetta
scritto il: 2014-10-25 14:44:00



Ultimo racconto erotico votato:

Mamma ed Anna
genere: incesti

Buon divertimento e buona lettura a voi perversi e arrapati.
menu per condividere i racconti erotici

racconto erotico casuale

Per portare alla vostra attenzione racconti erotici che altrimenti non andreste a cercare, perché spesso il caso è molto più eccitante del semplice trovare.

Orgia anale 7
genere: bisex


Speriamo di aver soddisfatto tutte le vostre fantasie a luci rosse.
menu per accedere rapidamente ad un racconto casuale tra tutte le opere

condividi i racconti erotici

Puoi anche condividere un racconto erotico o una qualsiasi altra pagina del nostro sito semplicemente usando il tasto share che trovi qui sotto.
Se il racconto è piaciuto a te, piacerà anche ai tuoi amici, condividilo tramite tutti i più diffusi social network.

Bookmark and Share


Segnala su google la pagina, per diffondere racconti erotici di qualità.




newsletter

iscriviti alla newsletter di erotici racconti e potrai ricevere tutti gli aggiornamenti sui racconti erotici inseriti e sulle statistiche e gli apprezamenti sulle storie più eccitanti tramite una mail.

Speriamo di aver soddisfatto tutte le tue fantasie sessuali.