Racconto erotico bisex vianoto33 Incontro sul treno Racconti erotici, storie eccitanti, letteratura a sfondo sessuale e narrativa a luci rosse osè per adulti italiana completamente gratuita.
Erotici Racconti

Incontro sul treno

Scritto da vianoto33, genere bisex

Quella sera avevo fatto tardi al lavoro e avevo preso un treno serale, quasi vuoto. Ero salito sulla prima carrozza e mi ero seduto nel vagone quasi vuoto a leggere il mio giornale, in attesa che il treno partisse. Ero assorto nella lettura quando altre due persone si sono sedute di fronte a me. Subito ho pensato che era piuttosto strano che con un vagone quasi vuoto avessero deciso di sedersi dove c’ero io. Alzando gli occhi dal giornale noto che si tratta di una coppia; lei si toglie il cappotto e si siede di fronte a me mentre lui si mette al suo fianco e mi chiede a che ora è previsto l’arrivo del treno, perché hanno un appuntamento a cui non vogliono mancare, poi, notando il mio giornale, mi chiede se può dare un’occhiata. Mentre lui sembra assorto nella lettura, incrocio lo sguardo di lei che mi sorride e accavalla le gambe con un fare sensuale, la gonna si alza leggermente e posso notare che indossa calze sostenute dal reggicalze; vincendo la mia timidezza le accenno un sorriso di compiacimento che lei sembra gradire molto. Si mette a cercare qualcosa nella borsa e così facendo allarga le gambe e posso vedere le sue mutandine di pizzo quasi completamente trasparenti. Il movimento del treno facilita lo sfregamento del mio ginocchio sulla sua coscia e l’impressione è che lei faciliti questo contatto. Al passaggio del controllore, esibiamo i biglietti di viaggio e mentre si allontana lei si china per rimettere il biglietto in borsa dandomi le spalle. Il suo culo è a 20 centimetri dal mio viso, lui distoglie gli occhi dal giornale e con lo sguardo mi invita a farmi avanti. Io appoggio la mia mano sulla sua coscia, poi risalgo piano accarezzandola sotto la gonna, arrivo al bordo delle calze, sento il calore della parte alta delle sue cosce, continuo a risalire e mi ritrovo a toccare l’incavo delle sue cosce, sento il pizzo delle sue mutandine. Lei quando sente la mia mano toccare la stoffa delle sue mutandine, spinge maggiormente il suo corpo nella mia direzione, facilitandomi la palpata. Le mie dita sfregano contro le labbra della sua figa stando sopra le mutandine. Dopo qualche secondo lei si rialza, ma rimane di fronte a me in posizione eretta con le gambe leggermente divaricate a godere del tocco delle mie dita. Intanto continuo a solleticarla, senza mai venire a contatto diretto con la pelle. Attraverso quel tessuto sottilissimo che sta cominciando ad inumidirsi, posso immaginare una figa curata, con un ciuffettino di peli sulla parte anteriore, ma completamente glabra attorno alle labbra. Ogni tanto le mie dita abbandonano la sua figa per solleticare il suo culo e con il medio riesco a penetrarlo per un paio di centimetri. Le mutandine ora sono fradice e lei ansima prossima al godimento. Lui la tira vicino, poi le dice qualcosa all’orecchio; lei mi guarda, si alza la gonna, si sfila le mutandine e gliele mette sotto il naso per fargli sentire tutti i suoi umori. Nel farlo si china e mi porge le sue chiappe al che la afferro e affondo la mia lingua nel solco delle sue natiche e la lecco selvaggiamente mentre sembra che i miei pantaloni debbano scoppiare. La mia lingua penetra nella sua fessura bagnata mentre le mie dita sfondano il suo culo. Proprio in quell’istante il treno frena perché sta entrando in stazione. Sono arrivato alla mia fermata e mi dispiace ma devo scendere. Lui mi chiede se ho un’auto in stazione e rispondo affermativamente. Allora lei si rassetta alla meno peggio e scendono con me. Saliamo in macchina e mi dicono di andare in una zona tranquilla per finire di divertirci. Appena fermata la macchina lei si spoglia completamente e mi da appena il tempo di abbassare il sedile poi di siede sopra la mia faccia, spinge il suo ventre avanti e indietro sulla mia bocca, la mia lingua passa dalla fessura bagnata tra le sue labbra al buco del culo già pronto per essere sfondato; mi afferra le mani e se le porta al seno, vuole che le stringa le tette, che le pizzichi i capezzoli fino a farle male. In quel momento sento due mani che accarezzano il mio cazzo, ho un momento di stordimento perché capisco che non è lei che mi sta accarezzando, ma lui. Non ho il tempo di reagire perché sento una bocca avvolgere completamente il mio cazzo fino alla base e allora mi rendo conto che forse non devo avere pregiudizi ma solo godere di questo momento. Anche lei, vedendo che non mi oppongo, si lascia andare maggiormente e mi lava letteralmente il viso con i suoi umori fino al punto da bloccarsi un attimo per poi lasciarsi andare ad un tremolio spasmodico segno del suo orgasmo. Lui nel frattempo si sta dedicando veramente con amore ad un fantastico bocchino, come mai ne avevo ricevuti, e resta incollato al mio cazzo anche quando vengo. Trattiene in bocca tutta la mia sborra poi si gira verso lei e la bacia appassionatamente. Li ho riportati in stazione dopo una decina di minuti, non prima però di prendere il loro numero di telefono e di strappare una promessa che ci saremmo rivisti quanto prima!

Questo racconto di vianoto33 è stato letto 10599 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

Ultimo racconto erotico inserito

Racconto erotico casuale

Per portare alla vostra attenzione racconti erotici che altrimenti non andreste a cercare, perché spesso il caso è molto più eccitante del semplice trovare.

Yoe il mio massaggiatore in vacanza parte 1
genere: tradimenti


Copyright © 2009-2014 Erotici Racconti - Tutti i diritti riservati