Racconti erotici, storie eccitanti, letteratura a sfondo sessuale e narrativa a luci rosse per adulti italiana completamente gratuita.
Bella è uno dei più eccitanti ed erotici racconti per adulti nel mondo della narratva a luci rosse, delle fantasie osé, delle confessioni e delle storie di sesso
erotici racconti logo del sito di storie a sfondo sessuale

Altri racconti erotici di Delirium:

Cuor che batte
genere etero
scritto il 2010-08-03 22:53:35

Qualcosa non va
genere etero
scritto il 2010-07-12 02:05:32

Puttana
genere poesie
scritto il 2010-07-01 18:19:47

La notte
genere poesie
scritto il 2010-06-22 17:50:04

I miei amanti
genere etero
scritto il 2010-06-21 01:07:32

Anime Perdute
genere poesie
scritto il 2010-06-11 22:12:14

Luca e zio Tore
genere voyeur
scritto il 2010-06-05 04:07:46

L'interrogatorio
genere dominazione
scritto il 2010-05-29 13:21:32

Il bacio di un angelo
genere incesti
scritto il 2010-05-24 12:20:41

La mia padroncina
genere zoofilia
scritto il 2010-05-05 18:14:24




Bella
data racconti erotici 2010-04-24 20:20:21

genere: categoria racconti erotici zoofilia

Una bella figa!

A questo pensavo seduto all'ombra di un albero di pino nell'orto di mio nonno. Era l'estate di qualche anno fa, e come ogni mezzogiorno quando staccavo dal lavoro di bracciante agricolo, prima di tornare a casa passavo a rimpinzarmi di susine e albicocche all'orto di mio nonno. Dopo una bella abbuffata mi sedetti all'ombra per godermi una piacevole brezzolina fresca, una vera goduria in quell'afosa giornata.

Ripensavo alla mia ex, c'eravamo lasciati da poco, e il mio cuore stava come ancora girando dentro una betoniera perchè a quanto pare avevo preso troppo sul serio la nostra relazione. Fanculo, ogni volta che lo facevo (cosa che sembrava inevitabile), era un continuo calvario, perciò cercai di concentrarmi su qualcos'altro, come la sua figa per esempio. Non che cambiasse molto la mia condizione, ma almeno il mio cazzo mi distraeva dal continuo scombussolamento dentro al mio petto. Non voglio scrivere un'intero racconto sulla deliziosa e appetitosissima fighetta della mia ex, vi basti solo sapere che il mio "compagno d'avventure" sembrava sul punto di far esplodere la mia patta tale era l'eccitazione. Sarà stato il caldo oppure l'astinenza, fatto stà che dalla mia braghetta di massima sicurezza c'era in corso un fottutissimo tentativo di evasione. In parole povere dovevo spararmi una sega!

Fu in quel momento che, come un fulmine a ciel sereno, nella mia mente si materializzò un cazzo di pensiero che (giuro sulla strizzata del mio fringuello nei prossimi due minuti a venire), non sapevo proprio come e da che parte fosse arrivato.

"La cagnetta di mio nonno c'ha la figa"!

Proprio così. Questo fu il pensiero. Arrivò e basta. Lei se ne stava tranquillamente appisolata legata nella sua cuccia, non aveva fatto niente per attirare la mia attenzione e tantomeno io stavo pensando a lei, eppure un demone o chissà che altro mi trapanò all'interno del cranio questa minchiata di assurdo pensiero.

Bastò così poco perchè nella mia mente si insinuassero strane e bizzarre immagini che fino ad allora mai mi sarei sognato potessero presentarsi. Le conseguenze di questo strano pensiero si fecero sentire subito: tentazione, disapprovazione, curiosità,eccitazione, lucidità e consapevolezza del giusto e sbagliato, e anche se non per ultimo ma purtroppo dominante su tutto il resto, la pessima idea di "voler dare solo un'occhiattina e nient'altro"!

Alzai il culo dai piedi del pino e mi avvicinai senza fretta verso di lei, che accorgendosi di me, cominciò a scodinzolare e a fare le feste.

"Solo per vedere, nient'altro"!

Era una bastardina, avrà avuto un anno al massimo, un incrocio tra un maremmano e un...boh, non saprei! Mio nonno non le aveva datto un nome, non che gli importasse poi molto a dirla tutta, ma io la chiamavo Bella. All'inizio quando gliel'avevano regalata che aveva appena quattro mesi, anch'io non avevo pensato di darle un nome, dicevo "bella" tanto per chiamarla, mica potevo attirare la sua attenzione chiamandola "cane", così finii per darle questo nome, Bella!

Appena mi avvicinai si alzò sulle zampe posteriori e rimase così in piedi grazie alla catena aspettando le mie coccole che non tardai a fargliele. Il tanfo intorno a lei era terribile, non si riusciva quasi a respirare. La piscia dei cani quando si impregna nel terreno è difficile da smaltire, col caldo che faceva poi era peggio, e mio nonno la scioglieva dalla catena solo dal pomeriggio fino a sera per dare una pulita, ma purtroppo la puzza restava comunque. Mi abbassai fino alla sua altezza, le diedi una grattatina alle orecchie, cosa che gradì moltissimo, e le tolsi persino un paio di zecche dai padiglioni. Scesi timidamente e stranamente imbarazzato con la mano verso la sua coda, e voltando la sua testa dall'altra parte le girai il culo dalla mia. Le alzai la coda e guardai la sua fighetta. Aveva le labbra molto scure, delle pietruzze di sabbia erano rimaste attaccate per come si sedeva e gliele rimossi delicatamente. Sentì subito il contatto e si girò verso di me come per dirmi "che cosa stai facendo"?

"Sto solo guardando, nient'altro"!

Le grandi labbra allesterno erano piuttosto dure e un pò prive di grazia, le aprii per vedere pure l'interno e rimasi deliziato da quel bel colorito rosa pallido. Mi sentivo come un ginecologo che osservava con interesse professionale la vulva di una sua paziente. Mi sfuggì persino un sorrisetto.

La accarezzai col dito e lei ebbe un sussulto, le avevo sfiorato il grilletto e questo mi mandò in visibilio. La sditalinai dapprima lentamente e poi accelerando il ritmo. Cominciò ad arcuare la schiena, dalla sua bocca sentivo come se la avesse impastata, segno che iniziava a piacerle il servizietto. Col dito che si lavorava la figa e con l'altra mano che le massaggiava le tettine riuscì ad avere un orgasmo che non pensai fosse così evidente, le uscì persino un grosso rutto dalla bocca. Si voltò verso di me e volle annusare il dito, poi si alzò di nuovo sulle zampe posteriori molto eccitata che quasi mi fece cadere a terra. Le diedi alcune pacche sulla schiena provocando una nuvoletta di peli e polvere. Non mi bastava, il mio cazzo costretto nella sua cella cominciava a farmi male, chinato com'ero era rimasto incastrato ed ora protestava ed esternava tutta la sua rabbia. Gli diedi una sistematina alla bell'e meglio e mi chinai nuovamente su Bella, per ora lui poteva aspettare. Voltai di nuovo il suo culo verso di me e lei istintivamente arcuò subito la schiena appena le sfiorai la figa. Volevo sentire il mio dito penetrare dentro di lei, la passerina ancora vergine era piuttosto asciutta, così mi sputai sulla mano e insalivai bene il medio in modo da non farle male. Esplorai il buchetto con delicatezza osservando ogni sua reazione molto attentamente. Abbassava lentamente la testa, la sua schiena si alzava sempre di più e la sua lingua nella sua bocca provocava strani suoni come se succhiasse avidamente una caramella. Rimasi col dito fermo all'entrata, volevo godermi ogni millimetro di quello stupendo e un pò strettino ingresso roseo. Lei non era della stessa idea però, con impercettibili movimenti del bacino e della sua figa, lentamente lo spingeva dentro, anzi, più precisamente lo "risucchiava" letteralmente dentro. Sentivo le sue pulsazioni intorno al mio dito che risvegliarono di nuovo alcune proteste dell'operaio disoccupato del piano di sotto. Lo ignorai, non avevo tempo per lui...ancora, e mi concentrai di più sul traforo del Monte Rosa. Cominciai a muovere il mio dito dentro di lei, esplorando le sue pareti calde la feci trasalire di piacere tale da farle uscire un altro piccolo rutto. Ero arrappatissimo, iniziai a stantuffarla alla velocità di come potrebbe essere quella di un cane, il dito scivolava che era una meraviglia, e continuai così per un pò, fino a farle colare la saliva dalla bocca. Sbavava come una... cagna in calore, appunto!

Prima di estrarglielo volevo sentire quanto era profonda, e spinsi il dito delicatamente fino in fondo. Sentii una membrana avvolgere l'estremità del mio medio fino alla prima falange. Ancora non sapevo se erano i cani maschi che rimanevano incastrati grazie al loro nodo, oppure erano le femmine a trattenere il loro cazzo all'interno della figa, quel giorno pensai fosse quella strana membrana, oppure le avevo semplicemente sfondato l'utero.

Lo tira fuori e lei volle subito annusarlo e dargli qualche leccatina, e di nuovo mi saltò addosso tutta eccitata.

Mi alzai con la patta gonfia come una zampogna, le diedi qualche carezza e alcune pacche sulla schiena e andai a lavarmi le mani. Per quella giornata poteva bastare. Tornato a casa cominciai a spararmi alcune seghe, non avrei mai pensato che un'esperienza del genere con un cane mi sarebbe piacciuta così tanto. Sarei tornato il giorno dopo, e l'altro ancora per sperimentare nuove sensazioni, volevo far sentire Bella felice, che male c'era in questo? Volevo solo vedere... nient'altro!

Il tempo passava, l'inverno seguente ebbe una bella cucciolata da chissà quale cane di passaggio di cinque cagnolini, di cui uno morì subito dopo il parto. Tre di loro mio nonno li regalò ad alcuni pastori nostri amici,l'ultimo volle tenerlo. Nero, pelosissimo e con un grosso muso che lo rendeva davvero curioso. Stranamente mio nonno che non dava mai dei nomi ai suoi animali, fece un'eccezzione e lo chiamò Scopino, tanto somigliava ad una scopa un pò logora. Io in quel periodo mi vedevo e scopavo occasionalmente con una mia amica, nessuno dei due però aveva intenzione di farne una cosa seria perchè anche lei tempo addietro aveva un pò risentito della rottura col suo ragazzo, perciò andava bene così per entrambi. Le mie escursioni pomeridiane all'orto di mio nonno ripresero appena il caldo dell'estate ricominciò a farsi sentire, in inverno infatti ci andavo pochissimo sia per il poco tempo che avevo a disposizione e sia anche per il freddo.

Il nonno scioglieva Bella molto più spesso e quindi poteva correre liberamente da tutte le parti quanto voleva. Quando la chiamavo però lei non si avvicinava mai, dovevo piegarmi sulle gambe se volevo attirare la sua attenzione, allora lei correva sempre verso di me incuriosita, come se volesse sapere cosa avessi trovato per terra.Era allora che approfittavo per accarezzarla e giocare con la sua fighetta. La sditalinavo di continuo, non vi nego che molte volte avrei voluto scoparmela, ma non so perchè, mi trattenevo sempre dal compiere tale gesto. Ogni volta che sfilavo le dita dalla sua figa, dava un'annusatina e correva esaltata per tutto l'orto, si faceva due o tre giri completi, poi come per sfogare di più la sua eccitazione scavava delle enormi buche sul terreno. Pensai che forse con la mia ex avevo instaurato un approccio sbagliato; avrei dovuto portarla in campagna, metterle in mano una zappa e poi sditalinarla, almeno dopo una bella corsa presa dall'eccitazione mi avrebbe zappato l'orto.

Anche Scopino non si salvò dalla mia "depravazione" (se così vogliamo chiamarla), e ogni tanto una sega gliela sparavo anche a lui. Ormai era abbastanza grande, anche se era rimasto piuttosto bassottino. Piccolo ma con un cazzo enorme. Quand'era in tiro sembrava un grosso pezzo di legno dal colorito viola, era ben dotato il bastardino. Lo segavo fino a farlo sborrare, anche se non sempre però ci riusciva. Forse in quei momenti non gli andava proprio, e allora quella vergha mi si afflosciava in mano, va bè, inutile insistere!

Un pomeriggio ero piuttosto infoiato, non scopavo da tre settimane perchè la mia amica era partita per una visita ai suoi parenti nel Trentino, e non sapevo come sfogarmi. Sarebbe stato molto più semplice spararmi qualche sega per lenire la mia irrequietezza, invece decisi di coinvolgere entrambi i cani in una stramba idea che mi era venuta al momento. Maledetto demone! Ogni qualvolta mi avvicinavo a loro cominciavano sempre ad eccitarsi e a fare cagnara, sapevano che li avrei fatti godere come le altre volte. Slegai Scopino e lo avvicinai verso Bella, anche lei ancora legata. Volevo farli scopare tra loro, volevo fargli fare una bella scopata incestuosa, e loro non sembravano minimamente restii a tirarsi indietro. Si agitarono parecchio e cominciarono ad alzarsi su due zampe fronteggiandosi come a volersi abbracciare, era difficile tenerli, non si riusciva quasi più a vedere niente dal polverone che sollevarono in tutto quel saltarsi addosso e mordicchiarsi. Finalmente Bella si decise ad offrire la sua figa a Scopino e quest'ultimo non si lasciò sfuggire l'occasione. Cercò all'istante di montarla, ma era troppo basso per poterci arrivare, io provai ad aiutarlo per quanto mi era possibile, ma era tutto inutile, quel bel cazzo enorme non riuscì a raggiungera la sua agognata meta. Bella non sembrava affatto contenta di questo, e ancora in preda alla sua eccitazione si mise lei a montare Scopino come una forsennata. Con quanta foga sbatteva il suo invisibile cazzo nelle natiche di Scopino, una scena veramente eccitante, credetemi!

Facevano troppo baccano, il loro abbaiare era troppo forte e non volevo che attirassero l'attenzione di qualcuno, quindi legai di nuovo Scopino alla sua cuccia e per calmarli li masturbai un pò entrambi. Rimasi sorpreso della copiosa sborrata di Scopino, era davvero piuttosto eccitato dalla situazione che si era venuta a creare, e ci mise molto prima di darsi una calmata, ma dopo aver svuotato le sue palle alla fine crollò esausto e appagato. Bella invece era fradicia, si muoveva freneticamente ai movimenti delle mie dita dentro la sua figa, sbavava e gemeva di piacere, sembrava una vera troia in calore. Indice e medio scivolavano dentro in modo fluido senza incontrare nessuna resistenza, la figa sembrava abbastanza larga da poterci passare persino un altro dito, e così feci, le infilai pure l'anulare e questi guizzò all'interno con incredibile facilità insieme agli altri. Fu in quel momento che quel demone del cazzo si ripresentò in tutta la sua depravaggine dentro la mia testa, questa volta gridava: "SCOPATELA! SCOPATELA!"

"Mai" dissi rifiutandomi con impassibile determinazione!

L'indomani tornai con un preservativo.

Presi Bella dalla sua cuccia piuttosto felice di vedermi, e ci allontanammo da Scopino, altrimenti avrebbero ricominciato ad abbaiare entrambi. La legai ad un alberello di albicocco e cominciai a sbottonarmi i jeans, tirai fuori l'uccello già in tiro e infilai il profilattico. Bella sembrava piuttosto irrequieta, continuava a fissarmi il cazzo in modo strano, "speriamo non lo prenda per un salamino" mi dissi. Cercai di avvicinare il suo culo verso di me, ma lei continuava a rigirarsi, sembrava non intenzionata ad appagare le mie esigenze. Tentai di nuovo prendendola per la coda ma lei niente, non voleva saperne, si accucciò ai piedi dell'albero e da lì non si mosse. E io lì, in ginocchio con le braghe abbassate e il cazzo dritto infilato in un preservativo non sapevo come prenderla. Una scena piuttosto patetica! La voglia ce l'aveva, questo era chiaro, ma forse sentiva dolore oppure era un pò confusa poverina, e non me la sentii di costringerla, l'ultuma cosa che volevo era stuprarla. Non potevo, purtroppo c'ho il cuore di burro. Ma anche il cazzo di marmo, e dovetti farmi un paio di seghe per rimediare a quella situazione.

Da allora non c'ho più riprovato a scoparmi Bella, mi limitai soltanto a qualche sditalinata ogni tanto, ma niente di più, non so perchè ma forse era meglio così. Mi manca tanto da quando ci ha lasciato, persino mio nonno si intristì quando se ne andò. Ora Scopino è rimasto da solo e non sembra più lo stesso, si vede che sta molto giù col morale, ma non durerà ancora per molto, mio nonno dice che un amico gli regalerà un altro cagnolino, almeno avrà un pò di compagnia.

Ad ogni modo la vita continua, qui finisce il racconto. Grazie a chi ha avuto la pazienza di leggerlo e... ciao Bella.

scritto da autore racconto erotico Delirium

racconto letto 11049 volte


Segnala abuso in questo racconto erotico
nick :
e-mail :
motivo :
Il colore del sangue?






commenti dei lettori al racconto erotico



Box delle utilità, spazio dei link veloci per gli ultimi racconti erotici inseriti, i racconti erotici più letti e più votati.

il racconto erotico più recente

Ultimo racconto erotico inserito:

Risveglio di mamma
scritto il: 2014-10-01 08:05:54



Ultimo racconto erotico votato:

Mamma ed Anna
genere: incesti

Buon divertimento e buona lettura a voi perversi e arrapati.
menu per condividere i racconti erotici

racconto erotico casuale

Per portare alla vostra attenzione racconti erotici che altrimenti non andreste a cercare, perché spesso il caso è molto più eccitante del semplice trovare.

019 Presentazione (1918)
genere: dominazione


Speriamo di aver soddisfatto tutte le vostre fantasie a luci rosse.
menu per accedere rapidamente ad un racconto casuale tra tutte le opere

condividi i racconti erotici

Puoi anche condividere un racconto erotico o una qualsiasi altra pagina del nostro sito semplicemente usando il tasto share che trovi qui sotto.
Se il racconto è piaciuto a te, piacerà anche ai tuoi amici, condividilo tramite tutti i più diffusi social network.

Bookmark and Share


Segnala su google la pagina, per diffondere racconti erotici di qualità.




newsletter

iscriviti alla newsletter di erotici racconti e potrai ricevere tutti gli aggiornamenti sui racconti erotici inseriti e sulle statistiche e gli apprezamenti sulle storie più eccitanti tramite una mail.

Speriamo di aver soddisfatto tutte le tue fantasie sessuali.