Racconto erotico tradimenti sachermasoch Il padrone di casa Racconti erotici, storie eccitanti, letteratura a sfondo sessuale e narrativa a luci rosse osè per adulti italiana completamente gratuita.
Erotici Racconti

Il padrone di casa

Scritto da sachermasoch, genere tradimenti

Ogni mese portavo l'affitto al mio proprietario che abitava sul mio stesso pianerottolo. Era un uomo non molto alto, anzi quasi tarchiato e sempre con problemi di dieta perchè aveva la tendenza ad ingrassare. Anziano ma molto curato ed enigmatico aveva in sè qualcosa che inspirava calma e fiducia. Veniva sempre ad aprirmi con vestaglie da camera, ci siedevamo sul divano e chiacchieravamo del più e del meno. Pur non essendo gay devo ammettere che ero attratto dal suo fascino e spesso i miei occhi cadevano sul suo ventre. Sedeva sempre sul divano con le gambe spalancate e coperte dalla vestaglia. In ero da poco sposato ed avevo non pochi problemi, parlare con lui mi rasserenava. Avrei voluto accovacciarmi tra le sue gambe ed ascoltare i suoi racconti. La notte sognavo anche di andare oltre, girare il viso baciargli le palle e succhiargli il pisello, mentre lui mi accarezzava la testa.

Con mia moglie chiaramente non parlavo di queste cose, ma solo del fascino che ispirava. Una volta, incuriosita venen anche lei. Ci accolse con il solito fare cordiale e ci fece accomodare in salotto. Tra una chiacchiera e l'altra, notavo che aveva subito legato con mia moglie, anche lei ne era rimasta affascinata. Di questo non mi rammaricavo, anzi ero contento che mia moglie condivideva la simpatia che provavo per lui. Per cui quando mia moglie mi chiese di fare un caffè, andai volentieri a casa mia (a fianco) a prepararlo, pensando che potessero fare meglio amicizia, che peraltro poteva tornare utile. Non fui nemmeno tanto sorpreso quando mi presentai con il vassoi del caffè e vidi che mia moglie aveva una mano sotto la sua vestaglia. Feci finta di non accorgermi e servii loro il caffè. Bevuto il caffè, con molta naturalezza lui le prese la mano e se la portò in mezzo alle gambe. Mia moglie mi gardava imbarazzata ma continuava a massagiarlo. Io le ricambiavo lo sguardo con un sorriso rassicurante Mia moglie era giovane e bella e mi amava, non temevo assolutamente che un uomo brutto e vecchio potesse portarmela via. Incoraggiato anche lui dal mio sguardo comincò ad accarezzarle i seni e le cosce. Con molta naturalezza mia moglie si inginocchò sul divano ed inarcò la schiena, con calma e con dolcezza lui si alzò le andò da dietro e cominciò a palpeggiarla. Io facevo finta di giocare con il cane, ma con la coda d'occhio vidi un uccello enorme e mi preoccupai di come potesse entrare in mia moglie. Non ebbi il tempo di rifettere che lui con molto garbo mi chiese di prendere un preservativo dal primo cassetto, lo presi e glielo porsi. Mi fece capire che avava le mani impegnate sui seni di mia moglie e mi disse "mettimelo tu". Con molto imbarazzo provai a metterlo ma l'uccello oramai era diventato grande ed io non riuscivo ad infilarglielo. Mia moglie ci tolse dall'imbarazzo e disse "me lo metta dentro senza non si preoccupi, basta che non mi arriva dentro". Nonostante la situazione continuavano a parlarsi con il lei. Vidi mentre glielo infilava, entrava come un burro e spariva nel ventre di mia moglie. Mi tolsi da quella situazione imbarazzante a fianco a lui e mi misi dall'altra parte del divano. Mia moglie mi trattenne e mi baciò calorosamente, mentre lui da dietro la stantuffava. Eccitato presi anch'io il mio uccello e lo misi in bocca a mia moglie, ma lei mi fece capire che non gradiva, anche perchè il vecchio stantuffava da dietro e lei non riusciva a succhiarmelo. Mia moglie, nonostante quel cazzone di grosse dimensioni aveva sempre un problema di frigidità, per cui sorrideva mentre lo prendeva ma non si lasciava andare.

Continuarono così per un pò, io accesi la televisione, ma lui molto eccitato mi chiese di prendere un tubetto di lubrificante sempre dal primo cassatto. Ma che ci doveva fare con il lubrificante? mi chiedevo. Lo capii quando vidi che sfilò il cazzo dalla vagina di mia moglie e spruzzo il tubetto sul suo ano. Ma che fate? chiese ingenuamente mia moglie, niente, la rassicurai ma avevo capito. Quel vecchio glielo voleva mettere in culo. Non ci sarebbe mai riuscito, nemmeno io c'ero mai riuscito. Detto fatto, il vecchio puntò il cazzo e stavolta sentii mia moglie gridare. Non proccuparti, mi disse il vecchio e incurante continuò a spingere. Mia moglie urlava e si dibatteva come impazzita ma non ritirava il culo. Anzi quando le dissi " lo faccio smettere" mi disse "vaffanculo". Era in preda ad una eccitazione come non l'avevo mai vista, urlava e si dibatteva ma spingeva sempre di più il culo per farlo entrare di più. Chiusi le finestre per non far sentire le grida di mia moglie che gridava e godeva come una matta. Provai un senso di ammirazione per quel vecchio che era stato capace di farla uscire dalla sua frigidità. Dopo parecchio tempo finalmente venne anche lui e le spruzzo il suo seme sul culo. Si accasciarono entrambi sul divano, io presi un asciugamanino e mi avvicinai per pulirli. Mia moglie mi prese la mano e mi disse " grazie, è sta un'esperienza bellissima" e mi baciò profondamente.

Questo racconto di sachermasoch è stato letto 8715 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

Ultimo racconto erotico inserito

Racconto erotico casuale

Per portare alla vostra attenzione racconti erotici che altrimenti non andreste a cercare, perché spesso il caso è molto più eccitante del semplice trovare.

Il fascino di Rita
genere: saffico


Copyright © 2009-2014 Erotici Racconti - Tutti i diritti riservati